Origini e caratteristiche del Golden Retriever

storia-origini-golden-2Il merito di aver iniziato la selezione di questa splendida razza
spetta a Mr Dudley Coutts Marjoribanks
, esponente di un’antica famiglia scozzese, il quale, amante degli sport e degli animali, dopo aver acquistato nel 1854 una tenuta di caccia in Scozia che nominò Guisachan, assunse nel 1881 il titolo di barone Lord Tweedmouth.

Nella sua tenuta si dedicò all’allevamento e alla selezione di numerose specie di animali dai bovini di razza Aberdeen, ai cavalli, ai pony.

Possedeva inoltre numerosi cani come Pointer, Deerhound, Terrier e quei cani che vengono ricordati, nel diario della figlia Mary, come “Retriever gialli”, creati dallo stesso barone.

La ricostruzione dell’origine dei primi Golden è stata possibile grazie alla precisione e meticolosità di Lord Tweedmouth che annotava tutti gli accoppiamenti sul suo personale libro genealogico.
Questo preziosissimo documento è oggi custodito dal Kennel Club Inglese.

storia-origini-golden

 

Secondo le note ritrovate sul documento, sembra che il primo Retriever giallo sia nato da genitori entrambi neri, unico in una cucciolata di esemplari tutti neri dal pelo ondulato.

Al piccolo venne dato il nome di Nous che in gaelico significa “saggezza”, ma sembra non fosse l’unico esemplare di colore diverso dal nero dominante, infatti con il termine “Pale-liver” (fegato chiaro) venivano allora chiamati tutti gli esemplari di mantelli diversi dal nero, che andavano dal color sabbia al marrone scuro.

Lord Tweedmouth acquistò Nous nel 1865 da un custode di Lord Chichester e programmò degli accoppiamenti iniziando così a selezionare la sua razza grazie a quel piccolo cucciolo giallo nato da genitori neri.

 

Nel 1868 Nous fu accoppiato con una femmina di nome Belle di razza Tweed Water Spaniel (grosso spaniel di color fegato o castano utilizzato per il lavoro in acqua). Nous e Belle diedero alla luce quattro splendidi cuccioli gialli, un maschio e tre femmine.

 

Interessante è notare come in questo primo accoppiamento fossero riassunte gran parte delle caratteristiche dell’attuale Golden Retriever; si fondevano infatti, gli attributi morfologici di Nous, dal bel mantello color giallo oro leggermente ondulato, con le doti di cane d’acqua di Belle, esemplare di Water Spaniel.

Da quella prima cucciolata fino al 1890, tutti gli accoppiamenti furono registrati nel libro genealogico di Lord Tweedmouth.

 

 

 

Standard di razza

anatomia-golden

Aspetto generale
Cane ben costruito, simmetrico e proporzionato, con movimenti sciolti, potente e attivo.
L’espressione tipica è molto dolce e gentile. La costituzione generale è quella che gli permette di essere un buon cane da caccia, in grado di sopportare condizioni ambientali avverse e duro lavoro. Il cane non deve essere né esile né pesante; deve avere un’ossatura solida e arti non troppo lunghi.

 

Caratteristiche
L’istinto per il riporto è una caratteristica innata, unita però alla docilità e alla facile addestrabilità. Intelligenza e naturale predisposizione al lavoro.

 

testa-golden

Temperamento
Dolce, amichevole e sicuro di sé. Sono cani docili e affettuosi che amano i bambini e non creano problemi con gli altri cani.

 

Testa e Cranio
Testa ben cesellata e proporzionata. Cranio largo ma non pesante. La testa deve essere ben inserita sul collo; il muso potente e largo. La lunghezza del muso deve corrispondere a quella del cranio. Stop (“gradino” tra il ponte del naso e la fronte) ben marcato, tartufo preferibilmente nero.

 

Occhi
Scuri e ben distanziati tra loro con rime palpebrali ben pigmentate. Il colore ideale è il marrone scuro.

dentatura

 

Orecchie
Di dimensioni medie, poste all’incirca all’altezza degli occhi. Significa che guardando il cane di profilo, la base dell’orecchio sul cranio deve essere sulla stessa linea degli occhi.

 

Bocca
Mascelle forti e ben sviluppate, con chiusura a forbice perfettamente regolare.

 

Collo
Di giusta lunghezza, “pulito”, ossia privo di eccessi di pelle o grasso e muscoloso.

 

Arti Anteriori
Diritti, con buona ossatura solida, ma non eccessivamente pesante, spalle ben oblique con scapola lunga e braccio di uguale lunghezza che posizionano l’arto verticalmente sotto il tronco. Gomiti ben aderenti al torace.

morfologia-golden

 

Tronco
Ben bilanciato e raccolto con torace profondo. Coste profonde, ben cerchiate. La linea dorsale deve essere orizzontale e parallela al terreno.

 

Arti Posteriori
Reni e arti forti, muscolosi, con coscia robusta e grassella ben flessa. Garretti ben discesi e diritti visti da dietro. Garretti vaccini rappresentano un grave difetto.

 

Piedi
Rotondi, da gatto. Compatti con falangi ben arcuate.

 

corporatura

Coda
Inserita allo stesso livello della schiena e portata alla stessa altezza. Come lunghezza raggiunge la punta del garretto e non deve essere arricciata all’estremità.

 

Andatura e Movimento
Andatura energica e decisa con buon impulso. Falcata lunga e sciolta senza tendenza ad alzare gli anteriori.

 

Mantello
Liscio od ondulato, ben frangiato. Folto, resistente all’acqua con abbondante sottopelo.

 

Colore
Tutte le tonalità dall’oro al crema, né rosso mofano né arancio. È ammesso qualche pelo bianco solo sul petto.

 

Taglia
Altezza al garrese: 56-61 cm per i maschi, 51-56 cm per le femmine.

 

Difetti
Ogni deviazione dallo standard è da considerarsi difetto, penalizzato a seconda della gravità.